PRIMAVERA A FONTISTERNI – POESIA DI PAOLO CAMPIDORI


 

FONTISTERNI BELLISSIMI GIAGGIOLI RITA.jpg

PRIMAVERA A FONTISTERNI (*)

In quella valle
dove io sentii solo l’abbaiare di un cane
dove io interpretai i segni sui sassi
sassi squadrati dei muri a secco
dove io guardai la lucertola al sole
dove io sentii quei passi misteriosi
accompagnati da un canto arcano.
In quell’angolo di paradiso dove io vidi i giaggioli
spuntare gagliardi e agitarsi al vento
di una primavera ancora lontana.
Là, fra quelle viti, fra quei cespugli
di rosmarino, tu mi porgesti la tua mano
e subito il vortice del vento ci trasportò
sulle colline in fiore, dove si sentiva l’eco misterioso
provenire dall’infinito.
Tu ti mettesti a ballare al ritmo
di una musica ancestrale, una danza scatenata,
le tue guance e le tue labbra si erano fatte rosse
come i papaveri. Io ti guardavo e non credevo.
Poi piano piano sparisti in un grande vortice
come in un sogno…ed io restai là a guardare
mentre la tua gonna svolazzava al vento
e mostrava le tue bellezze più intime,
più delicate, più sensuali….
Non era un sogno, forse, in quella valle
io ti ritroverò!
Paolo Campidori Copyright

http://www.culturamugellana.com

(*) Si tratta di un componimento poetico, dove la fantasia, i ricordi giovanili,  affiorano componendo un quadro idillico fiori rita.jpg

Salva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...