DOSSIER: TROVATA DALLO STORICO-ETRUSCOLOGO PAOLO CAMPIDORI UNA EPIGRAFE ETRUSCA A BORGO SAN LORENZO IN MUGELLO


DOSSIER: TROVATA DALLO  STORICO-ETRUSCOLOGO PAOLO CAMPIDORI UNA EPIGRAFE ETRUSCA A BORGO SAN LORENZO IN MUGELLO

EPIGRAFE ETRUSCA  CON SCRITTE DI BORGO SAN LORENZO IN MUGELLO.png

BORGO SAN LORENZO ETRUSCA ALLA CHIESA DI SAN GIOVANNI MAGGIORE A PANICAGLIA-RONTA
Ritrovata epigrafe etrusca. Autore della scoperta e della sua identificazione  Paolo Campidori, storico-etruscologo . Lo stesso ha affermato in una intervista ad una TV PRIVATA  spagnola quanto segue:

“Confermo che la ‘pietra’ con lettere scolpite che si trova nella periferia di Borgo San Lorenzo, sulla base del campanile di San Giovanni Maggiore è ETRUSCA e farebbe parte di una tomba gentilizia (aristocratica) che si trovava probabilmente in loco o nei paraggi”.

20170726_032915

Si tratta di una scritta ‘arcaica (secondo il ‘metro’ di datazione in uso oggi) e risalirebbe’ al VI-V ec. a.C. Sapevamo già che la zona era ritenuta etrusca, grazie ad alcuni toponimi antichi, tuttora in uso,  come, ad esempio, Ronta (da Arunte), etc., Faltona (composta da Fal e Truna=Olimpo delle divinità etrusche), Senni, Ruzza,, etc.” Proseguendo nell’intervista Paolo Campidori ha affermato che una parola è gia stata da lui identificata, decifrata e tradotta. Si tratterebbe del vocabolo “AFIL (oppure AVIL)” (pronuncia ‘avil’), vocabolo che si ritrova in moltissime epigrafi etrusche e significa:  “(morto) all’età di…”, oppure (..è vissuto) fino all’età di“. Si tratterebbe quindi di un’epigrafe legata al linguaggio cimiteriale del tempo.

l chiesa di San Giovanni Maggiore a Panicaglia-Ronta

E’ probabile che la bellissima e antichissima chiesa di San Giovanni Maggiore sia sorta sui ruderi di u tempio etrusco ‘arcaico’ VII-VI sec. a.C. , poi, romano (vedi colonizzazione romana verso il III- II sec.a.C. ) 

base e torre campanile

Ho già parlato di questa chiesa, tempo addietro nel mio libro “Le Chiese del Mugello”, Giorgi&Gambi Editori, 1980, con prefazione del Prof. Umberto Baldini (già Sovrintendente dell’Opificio delle Pietre Dure e Gabinetto Restauri della Fortezza da Basso) ed anche in articoli successivi, quando però ancora non ero a conoscenza di questa epigrafe. Debbo ringraziare l’amico Ottico Pnchetti,  di Borgo San Lorenzo, che ho visto questa mattina, il quale  mi ha parlato di un masso a San Giovanni Maggiore con una scritta strana, che finora nessuno era riuscito a decifrare. “Perch non vai a dare un’occiata tu?” Non me lo sono fatto dire due volte e, a,ppena uscito dal suo negozio mi sono diretto verso Panicaglia-Ronta (la strada che va a Marradi e Palazzuolo, dove la chiesa si trova dopo alcuni chilometri, forse tre o quattro. 

L’epigrafe etrusca si trova nella parte Ovest della torre-campanile,, proprio sul basamento della stessa ad altezza d’uomo. E’ un po’ consunta, in certe parti un po’ rovinata dalle intemerie, ma la scritta ha un solco profondo, scolito,  ben visibile, molto simile ai ‘tular’ (pietre di confine) fiesolani (Vedi Museo Archeologico di Fiesole.  Dopo questo ritrovamento possiamo senz’altro affermare che tutto il Mugello era Etrusco e che quindi le nostre orrigini mugellane sono da ricercare proprio nell’etnia dei “Rhasena”, popolo di origine semitica, proveniente dall’Oriente e he parlava una lingua, divers fa tujtti gli altri popoli pre-romanici, che era una via di mezzo fra l’aramaico e l’ebraico antico.

Paolo Campidori, Copyright

Dossier Cultura http://www.culturamugellana.com

paolocampidori@yahoo.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...