POERO GOSTO: INDO’ VA E INDO’ NE BUSCA – POESIA IN VERNACOLO MUGELLANO (DEI NONNI) – DI PAOLO CAMPIDORI


Poesia in vernacolo mugellano
POERO GOSTO: INDO’ VA’ E INDO’ NE BUSCA

Paolo la sai l'ultima?

Andò a Sent Malò per guarire
e, invece, s’ammalò
Andò a Beitutti
e lo coprirono di rutti
Andò alla Sorbona
e trovò una cicalona
Andò a Bellagio
ma ‘un si trovò a suo agio
Andò a Caltanissetta
ma l’acelaveva troppo stretta
Andò a Torino
e fece un pisolino!
Andò a San Giovanni
ma ‘un riportò nemmeno i panni
Andò a Barcellona
ma trovò una maialona…
L’andò da Gentiloni
ma si ruppe i ……..oni
L’andò da Berlusconi
e….idem
L’andò a Bolzano
….e gl’andette bene!
L’andò in Mugello
ma gl’inciampo’ in uno sgabello
L’andò a Monghidoro,
ma gli dette dreco un toro!!!!

……..
Si, sì poero Gosto le gli capitano tutte a lui
L’andò anche da’ i’ curato
ma l’era mezzo malato
L’andò a Dicomano,
ma …lasciamo fare
Gl’andò a Scarperia
e gli incontrò la su’ zia
Gl’andò in Mugello a bere un gotto
e vi trovò i’ grande Giotto!
G’andò aVespignano
ma  ’un danno mai la mano

…….

L’andiede a Paterno e’ vi trovò l’inferno
Gl’andò a Firenze,
e perse anche un dente.
Insomma, gira e rigira, pero Gosto le gni capitano
di tutti i colori, d’orinnanzi, però Gosto, l’ha promesso alla Perpetua, sarà tutto casa e stalla!!
Paolo Campidori, Copyright
http://www.paolocampidorinuovoblog.wordpress.com